Da dove viene il mito secondo cui le prese possono essere collegate solo con un cavo da 2,5 mm²

  • Mar 21, 2021

Nell'ultimo giorno, almeno dieci persone si sono indignate di come un cavo da 1,5 mm² possa essere utilizzato in una prolunga per una corrente di 16A, perché non resiste.

Oggi sfaterò il mito e vi racconterò come è successo che quasi tutti gli elettricisti colleghino le prese con un cavo da 2,5 mm².

La mia recensione di ieri sulle prolunghe IKEA (https://ammo1.livejournal.com/1229112.html ) è già stato letto da più di 180mila persone e su più di mille commenti su diversi siti si ripete continuamente: "Un quadrato e mezzo non resiste a 16 ampere".

Noi apriamo GOST 31996-2012 "Cavi di potenza con isolamento plastico per tensione nominale 0,66; 1 e 3 kV. Condizioni tecniche generali "e studio Tabella 19" Carichi di corrente ammissibili di cavi con conduttori di rame isolati da composti di PVC e composizioni polimeriche che non contengono alogeni ".

Da dove viene il mito secondo cui le prese possono essere collegate solo con un cavo da 2,5 mm²

Come puoi vedere, il cavo da 1,5 mm² è progettato per correnti fino a 21 A.

Allora da dove viene il mito che "non resisterà", e perché un cavo da 2,5 mm² viene tirato alle prese con una corrente massima di 16 A da un interruttore da 16 A, che, secondo la stessa tabella, può sopportare 27 ampere?

instagram viewer

È semplice. Una volta il direttore di un'associazione via cavo mi ha parlato dell'origine di questo mito.

Negli anni '90, quasi tutti i cavi sul mercato erano "Silent" - realizzati non secondo GOST, ma secondo TU. Avevano una sezione trasversale delle vene molto bassa. E il cavo, su cui era scritto 1,5 mm², era in realtà inferiore a uno, e il cavo con l'orgogliosa iscrizione di 2,5 mm² aveva una sezione reale di circa 1,5 mm². Fu allora che nacque una legge taciuta, tuttora osservata da quasi tutti gli elettricisti: "il cavo 1.5 è adatto solo per la luce, e le prese vanno collegate con un cavo 2.5". In effetti, quando il cavo ha una falsa sezione trasversale, è meglio overdrive.

Ora nei mercati si può ancora trovare un cavo "made secondo TU" con una sezione sottovalutata, ma in nelle grandi catene di negozi, quasi tutto il cavo GOST e la sua sezione trasversale vivevano vicino a nominale.

Ci sono tre miti sul perché le prese non possano essere collegate con un cavo da 1,5 mm²:

Mito n. 1 "Il rilascio termico di una macchina da 16 A dovrebbe intervenire in meno di un'ora a una corrente di 23,2 A (1,45x del valore nominale) e in un'ora o più a una corrente di 18 A (1,13x del nominale)".

Nella stessa tabella, vediamo che un cavo da 1,5 mm² può sopportare a lungo una corrente di 21 A.

Da 23,2 A per un'ora, non succederà nemmeno nulla di terribile, si scalda solo un po 'di più. Nel mio esperimento (https://ammo1.livejournal.com/1150202.html ), il cavo VVG 3x1,5 ha resistito a una corrente di 31,5 A e, a una corrente di 24 A, la temperatura della guaina del cavo in aria era di 49 ° e nell'ondulazione di 67 °. Per il cavo VVG, la temperatura consentita a lungo termine è di 70 °, la temperatura in modalità sovraccarico è fino a 90 ° C.

Mito numero 2. "La resistenza del cavo da 1,5 mm² è così alta che ci sarà una grande caduta di tensione su un cavo lungo sotto carico pesante."

Calcoliamo per la situazione più estrema: cavo 50 metri, carico 16 ampere. Secondo GOST 22483-2012, la resistenza di un chilometro di conduttori di rame flessibili (Tabella 7) con una sezione trasversale di 1,5 mm² non deve essere superiore a 13,3 ohm, rispettivamente, due conduttori di 50 metri ciascuno 1,33 ohm. Un carico resistivo che assorbe 16 A da 230 V ha una resistenza di 14,375 Ohm. Il rapporto tra la resistenza del carico e il cavo è 1x10,8, rispettivamente, 19,5 volt cadranno sul cavo. Nella vita reale, il cavo è solitamente più corto e il carico è inferiore, quindi è probabile che la caduta sia di pochi volt.

Mito numero 3. "Se il cavo è lungo, la macchina potrebbe non funzionare in caso di cortocircuito."

Ancora una volta, prendiamo 50 metri e, di conseguenza, 1,33 ohm. 230 / 1,33 = 172,9 A.
Lo sganciatore elettromagnetico dell'interruttore C16 interverrà ad una corrente superiore a quella nominale 5 volte (80 A) per più di 0,1 s, e con una corrente superiore alla nominale 10 volte (160 A) è garantito lo spegnimento in 0,1 a partire dal.

Ovviamente non c'è niente di sbagliato nel fatto che le prese siano collegate con un cavo più spesso "con un margine", ma io collego tutte le prese con un cavo da 1,5 mm², e lo vedi tu stesso.

© 2021, Alexey Nadezhin

Da dieci anni scrivo ogni giorno di tecnologia, sconti, luoghi di interesse ed eventi. Leggi il mio blog sul sito ammo1.ru, nel LJ, zen, Mirtesen, Telegramma .
I miei progetti:
Lamptest.ru. Provo le lampade a LED e aiuto a capire quali sono buone e quali non lo sono.
Elerus.ru. Raccolgo informazioni sui dispositivi elettronici domestici per uso personale e le condivido.
Puoi contattarmi su Telegram
@ ammo1 e per posta [email protected] .